ANGELA BETTA CASALE 
www.angelabettacasale.it
angela.betta@gmail.com         
Angela Betta Casale nasce a Torino nel 1954, , uno spirito libero con la vocazione per l’arte.
Dopo gli studi artistici si dedica alla carriera di grafico, ma non abbandona mai totalmente la pittura, prima come allieva del Maestro Amerigo Carella poi dal 1999 dedicandosi totalmente all’arte, seguendo un suo percorso di ricerca, di arricchimento, di confronto, mai di emulazione che la conduce sempre più verso una tecnica del tutto personale per esprimere concetti e sensazioni attraverso le opere.
Ed è qui che il grande amore dell’artista per la cultura celtica e medievale trova spazio ideale di espressione creativa.
         Lontana dagli ambienti dell’arte ma mai lontana dalla stessa espone in molte mostre personali e collettive cercando sempre il contatto diretto con le persone, poiché ritiene che l’arte sia patrimonio di tutti e non solamente di un pubblico ristretto.
Il suo animo inquieto la porta a confrontarsi sempre con nuove esperienze ed iniziative artistiche diverse, unite da una serie di valori e impegni.
Pubblica un libro con 12 quadri ispirati ad altrettante poesie di Giancarlo Barbadoro, poeta e musicista del Laboratorio Musicale del Graal, e sempre in collaborazione con il Gruppo e con il regista Stefano Milla, cura personalmente le scenografie e i costumi di spettacoli teatrali.
Mai stanca di sperimentare  prosegue la sua ricerca artistica e collabora come direttore artistico alla realizzazione del primo film fantasy-epico italiano, raccoglie intorno a sé alcune allieve e chissà...
Il suo quadro più bello è quello che dipingerà domani.

NOTE E CONSIDERAZIONI SUL MIO PERCORSO ARTISTICO
            Molti mi chiedono “con che stile dipingi?”
            Non posso rispondervi in due parole com’è d’uso in questi tempi frettolosi.
            Proverò a spiegare…
            Così come la musica attraverso suoni inventati vi fa percepire emozioni, struggimenti, echi lontani, la pittura non deve riprodurre il mondo, deve vederlo e filtrarlo e trovare forme che suscitino emozione, provochino sensazioni e anche la riscoperta della “humanitas” oggi parzialmente perduta.
            Lascio emergere la mia parte più profonda in un insieme di ricordi, esperienze, suggestioni e osservo la natura che ci dà forme, prospettive, colori.
            Amo riprodurre vecchi muri, usare legni corrosi, sovrapporre strati di materia, utilizzare contrasti di colore e dorature per far emergere immagini arrivate da lontano, dal mistero.
            Basta guardarsi intorno per vedere i segni dei millenni, le stratificazioni di mani operose, sentire le emozioni di chi ha vissuto, creato, amato, odiato prima di noi.
            Avverto una profonda affinità con le popolazioni celtiche, la cui storia si intreccia costantemente con il mito. Non si trova un esempio più sorprendente di sintesi armoniosa tra realtà storica ed elemento leggendario, quasi divino. Il loro messaggio culturale non è mai scomparso veramente, nonostante tutti i tentativi, e nessun popolo ha avuto un’influenza sul futuro altrettanto profonda, sebbene sempre in “penombra”.
            Sento come miei le spirali, i nodi, gli intrecci tipici della loro arte,  poiché anche  per me come per loro essi rappresentano la Vita, l'energia spirituale, il percorso di crescita, la continuità, la resurrezione, le relazioni con tutti gli esseri, l'immortalità.
            I  nodi simboleggiano anche il ciclo dell'esistenza nascita, morte, rinascita.
            Questi segni così complessi non sono forse come la nostra vita, un continuo intrecciarsi, allontanarsi e ritrovarsi gli uni con gli altri?
            Nell’arte non vi è nulla di “nuovo” è semplicemente un universo in continuo movimento, ed io cerco di far emergere dalla penombra draghi, fate e cavalieri…
            Lasciate che incrocino lo sguardo con voi, che vi narrino di una storia lontana eppur così vicina.
            Ascoltateli anche solo per un attimo e un poco vi racconteranno anche di me.

 

VIDEO ESPOSIZIONE LUNGO DORA ELENCO ARTISTI
   
   
Centro benessere in buone mani di Enrico Sangermano corso Lece 38 Torino 10143 parita iva 10466900015